La magia di Capri ai vostri piedi

Copia di PROMO WEEK

File 25-06-16, 11 12 53
Sergio Compagna e la moglie

I sandali, emblema di un’epoca,  cambiano con le mode e incontrano nuovi stili ma senza perdere la propria natura.  

Sergio Compagna ha scelto i sandali. Sì perché dopo 30 anni trascorsi a rifornire i migliori  artigiani di sandali della Costiera, ha deciso di passare dall’altra parte. Oggi i sandali li disegna lui; i materiali li seleziona meglio di chiunque altro e gli artigiani migliori  sono i suoi alleati.

Iniziamo dal nome

Sergio compagna. Nessun nome di fantasia perché in il mio nome è un elemento di garanzia. Lavoro nel settore da più di 30 anni e, soprattutto in questo momento dove di “finti artigiani” ne nascono uno al minuto, è fondamentale rassicurare i clienti mettendoci la faccia.

Come nasce un tuo prodotto

Il prodotto sembra molto semplice ma non è così. E’ necessaria un’attenta ricerca sui fornitori. La qualità delle suole, ad esempio, è fondamentale. Quelle di bassa qualità assorbono l’acqua come spugne e si crepano subito. Le strisce di pelle sembrano tutte uguali ma alcune sono molto più morbide di altre. Le tomaie con le pietre devono avere una base resistente altrimenti si rompono o feriscono il piede. Insomma, la materia prima è fondamentale! Poi c’è l’aspetto stilistico degli accostamenti delle pietre, nel quale si diverte molto anche mia moglie. Parto sempre da un disegno della composizione, cerco le pietre delle quali ho bisogno da vari fornitori e faccio un prototipo a mano. Solo quando sono davvero convinto lo passo agli artigiani che li realizzino a mano.

In che modo interpreti l’Italianità nei tuoi prodotti

La mia terra è la mia ispiratrice. Napoli, Capri e Ischia sono una parte di me e il verde e il blu del loro mare sono i colori ricorrenti dei miei sandali. Questi sandali sono un’icona dell’italianità e indossandoli, in ogni parte del mondo, le donne devono respirare la stessa aria di questi luoghi. La fattura, poi, è tutta locale. I materiali, gli artigiani, le tecniche utilizzate si tramandano da decenni. Immutate. Più Made in Italy di così!

Cosa facevi prima di questa avventura

Ho iniziato 30 anni fa nel settore della cura della pelle per calzature. Ho incontrato i migliori artigiani della zona. Ho scoperto gli aspetti più importanti di un buon prodotto ed ho imparato le tecniche più raffinate.

Le tue esperienze precedenti in che modo influenzano questa tua nuova attività

30 anni insieme agli artigiani che realizzano fisicamente il prodotto ti fanno capire quali elementi devi tenere in considerazione  quando disegni. Negli anni ’60 erano delle semplici strisce di pelle tagliate a vivo. Poi all’inizio del 2000 c’è stato l’avvento degli Swarosky e sono nati i sandali gioiello. Prima non esistevano e tutte quelle pietre pesavano, quindi gli artigiani hanno dovuto trovare una soluzione. Il risultato è che oggi ci sono sandali gioiello ovunque ma chi non è partito dalle tecniche fondamentali realizza prodotti magari belli ma scomodi, pesanti o che si rompono subito. E non sai quanti ce n’è in giro!!!

Qual è l’aspetto che ti da più soddisfazione in questo lavoro

Quando vedo per strada una donna  con i miei sandali ai piedi. I miei sandali li riconosco subito!

Sogno nel cassetto?

Vedere le mie figlie continuare tutto questo.

_MG_328820160526_13014113298215_897938017001781_1678509787_n

3 pensieri su “La magia di Capri ai vostri piedi

  1. Un grande professionista capace di essere presente sul mercato con sandali al top ed il miglior rapporto qualità / prezzo su piazza. Un vero artigiante ( artigiano-commerciante) paladino del fatto a mano in Italiae

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...